265 le mani di S. M tà Ces. et del ser mo arciduca Carlo dove si può fermar et riprimer la sua furia con poco presidio, di sorte che tutta quanta la sua potentia non potria passarvi signanter per l’asprezza d’essi luoghi, li quali senza fallo Iddio misericordioso ab eterno haverà predestinato per tal effetto, purché noi altri se ne accorgessimo et li guardassimo come bisogna. Il che tanto più doveriano fare et procurar li potentati et popoli d’Italia, poiché esso Turco per terra non li può assalire, se non da quella parte et se cotali luoghi fossero mediocre¬ mente presidiati, quel solo presidio col tempo lo potria scacciar di quelli luoghi ancora, da li quali egli per mar a la isprovista cominciarà infestar l’Italia di modo che con poca cosa si potria effettuar l’un et l’altro et in somma assicurarsi l’Italia si fattamente con la gratia di Dio, che in eterno non haveria da dubitar di esso Turco niente, né per il golfo Adriatico né per il Friuli. Qui senza fallo tantosto desiderarà il cupido lettore d’intender detti luoghi et la quantità del necessario presidio, però non si mancarà di contentarlo con conditione, che suspenda il suo giuditio, finché totalmente havrà inteso la cosa con le sue qualità et circonstantie. Ma bisogna per maggior lume de la cosa descriver brevemente tutta la frontiera de la Schiavonia et Croatia, accioché poi si possa toccar con le mani quello che è detto essere il vero. De li confini d’Ungaria non accade dir nulla, perché da quelli non può intravenir a l’Italia nessun male, se prima esso nemico non sogiogasse tutta l’Alemagna. Ma da li confini d’essa Schiavonia et Croatia può intrar subito, come già è detto, il Friuli et poi passar altro a suo piacere. Cominciando dunque da essa Schiavonia prima si offerisce la Principal fortezza Copriunizza 8 ) contigua quasi a la Drava fiume grande die partisce l’Ungaria da essa Schiavonia. Il luogo è capace, ameno, fertile di vino, grano, de la carne, del pesce et d’ogni altra cosa, et passano trenta anni che si è principiato a fortificare ma egli è hoggidì ancora tanto mal in ordine et sì aperto che massime d’inverno quando li fossi sono agiacciati con poca fatica o pericolo si potria prendere, non havendo né bastioni né cortine fornite, se non certi terrapieni sì fatti, che si è da maravigliar sommamente come il Turco già guari non lo habbia preso. Questa fortezza ha altre sei sotto di sé chiamate 8 ) Koprivnica (Kopreinitz). Eine eingehende Darstellung der Zustände an der Türkengrenze, vor allem im Jahre 1578, bei Roth, Wihitsch und Weit- schawar.