Full text: Nuntiatur des Germanico Malaspina, Sendung des Antonio Possevino

57 
maniera. 46 ) Et questo è tanto vero mons. Ill mo , che se la Goritia è in 
buona parte libera de heresia, è principalmente per li signori Vene¬ 
tiani, 47 ) li quali col fare certe demostrationi, che non erano ancora 
sicuri che fossero a questo fine, messero tanta paura in questi paesi, 
che subito fu rimediato ogni cosa; et io so che persone heretiche, che 
hanno parenti in quel contado, allhora li scrissero che in ogni modo 
fossero catholici, che altrimenti farebbono et direbbono : sono li heretici 
vilissimi et fugientes persequuntur et persequentes fugiunt. 
S. A. fece all’hora deliberatione di rimettere ogni differentia in 
S. S (i et mandò per questo effetto dal’ imperatore, il quale rispose che 
S. B nc non haverebbe accettata questa cura. Scrissero al cardinale 
Madrutio, il quale anc’esso rispose ambiguamente, ma perché all’hora 
non so, quo spiritu ductus, il Cobenzol ritrovò che, per denunciatio- 
nem apostolicam, poteva S. S tà tirare a sé questa cognitione di causa, 
et in questo senso fu scritto al cardinale. Al presente questi ministri, 
et in specie il sig. cancillier et Cobenzolo, affermano che S. A. la rimet¬ 
terebbe simpliciter in mano di S. S tà con ogni autorità, et che sono 
certissimi che, quando pur vadino al convento li ambasciatori Veneti 
et quelli di S. A., che non farano cosa alcuna. 48 ) 
Io mi vo ben immaginando che ci deve esser cosa sotto, ch’io 
non devo penetrare. Però ho solamente voluto farlo sapere a V. S. Ill" ,a , 
acciò se mai o per questa strada o per altra fosse possibile accommo¬ 
dare queste differentie per potere remediare con via sicura la rovina, 
che al presente sta minacciando a questi popoli et è per star ogni 
giorno più, et insieme rimetterebbeno le cose di Aquileia. Questa con¬ 
cordia sarebbe a mio parere non meno necessaria a S. A. che utile a 
signori Venetiani, perché, essendo questo principe ridotto a così 
46 ) Die langwierigen Grenzstreitigkeiten mit Venedig konnten, nachdem dar¬ 
über schon 1568 eine venezianische Sondergesandtschajt vergeblich mit Erzherzog 
Karl verhandelt hatte, auch diesmal trotz verschiedener Bemühungen nicht bei¬ 
gelegt werden (Venedig AS, Dispacci Germania, fdza 7, b. 112, 120, 138 und 142). 
i7 ) Die 1579 vom Ausweisungsbefehl Erzherzog Karls betroffenen Evange¬ 
lischen der Grafschaft Görz erwähnten in einem an Erzherzog Karl gerichteten 
Schreiben, in dem sie unter Hinweis auf ihre Treue zum Haus Österreich um 
Verbleiben in der Heimat baten, daß dieser Befehl auf Mahnungen des Papstes, 
des Königs von Spanien und der italienischen Fürsten, besonders Venedigs, zurück¬ 
gehe (Loserth, FRA 11/50, S. 47 /., Anm. 2). 
iS ) Bereits 1578 halte der Kaiser beide Teile aufgefordert, Bevollmächtigte 
zur Beilegung des Streites zu ihm nach Prag zu schicken. Die Verhandlungen be¬ 
gannen aber erst 1583 und blieben letztlich fruchtlos (Hurter, Geschichte Kaiser 
Ferdinands II, S. 107 — 121).
	        

Note to user

Dear user,

In response to current developments in the web technology used by the Goobi viewer, the software no longer supports your browser.

Please use one of the following browsers to display this page correctly.

Thank you.