Full text: Nuntiatur des Germanico Malaspina, Sendung des Antonio Possevino

406 
gran patientia et vigilantia, ma solamente di prohibirle l’essercitio 
lutherano, ho detto a S. A. che di questo non si pigli fastidio, ché 
facendo noi qua giù l’officio nostro, Dio benedetto farà a suo tempo 
quelle mutationi con la destra sua, a le quali opera nostra non può 
giungere. 
Et se bene in Carintia ne la città di S. Vito et di Felchemor 
hanno lasciato morire alcuni figliuoli senza battesmo dopo che sono 
stati scacciati li predicatori heretici 3 ) et S. A. non può venire così di 
subito a dargli quel castigo, che gli medesimi signori heretici confessano 
che meritarebbono, escusandoli solo per la desperatione, et persuaden¬ 
dosi loro che io sia per movermi a compassione de la perdita di quelle 
anime, et consentire che qua sia lecito quanto al sacramento del 
battesmo pigliarlo dove più piace, nel che s’ingannano di gran lunga, 
nondimeno io sì come non mi maraviglio che’l demonio, il quale già 
tanti anni custodisce come forte armato la maggior parte di queste 
provincie, prevedendo che deve esser espugnata la fortezza sua, cerchi 
tante vie di difendersi, così m’ingegno quanto posso che la natura del 
principe, non avezza a sentire eccessi così esorbitanti, non si perda 
d’animo, ma seguiti virilmente. Dopo che la nobiltà et li cittadini 
hanno reciprocamente fatto il giuramento, li nobili, assicuratisi di 
questo, hanno messo in consulta a li loro settarii, se con sicura con¬ 
scienza loro possono dar il consenso a S. A. de la separatione de li 
cittadini circa la religione, et tutti hanno determinato che non. 
Per il che habbiamo di buon loco che li nobili non daranno mai 
il consenso, ma da l’altra parte, trovando con mano la risolutione 
ferme di S. A. facendo noi l’essecutione, non si intrometteranno, se 
ben si dubita che molti cittadini nel principio d’essa si partiranno da 
le città, al che però si provederà. Dimodo ché, ritornando a quello 
che di sopra ho detto, il negotio a mio giuditio havrà uno de’ dui 
essiti, o si trattarà ne la dieta imperiale, conforme a la risposta data 
da S. A. a gli heretici, nel qual caso vedo inanzi la risolutione di quella 
dieta difficile l’essecutione, overo la nobiltà, se bene mai darà il con¬ 
senso, non farà spalla a li cittadini et si potrà dare principio a l’esse- 
cutione inanzi la partita di S. A. Tra li consiglieri sono alcuni che non 
approvano il mio parere circa essecutione, se non al ritorno di S. A. 4 ) 
da la dieta, non ostante che li nobili si dichiarino che loro non si 
3 ) Vgl. Nr. 148, S. 400. 
*) Erzherzog Karl hat vor seiner am 28. April erfolgten Abreise (Uhlirz, 
Ein Bruchstück des Diariums, S. 11) den Grazer Bürgern den Besuch des evan¬ 
gelischen Gottesdienstes streng verboten (Loserlh, FRA IlföO, S. 296 f.).
	        

Note to user

Dear user,

In response to current developments in the web technology used by the Goobi viewer, the software no longer supports your browser.

Please use one of the following browsers to display this page correctly.

Thank you.