Full text: Nuntiatur des Germanico Malaspina, Sendung des Antonio Possevino

366 
de le promesse fatte a me et scritte a S. S t4 , 6 ) et che insieme con questo 
volessero rumare il negotio de la religione, poiché con semplici parole 
è impossibile superare l’ostinatione loro, essendo così persuasi che 
S. A. più tosto per stimolo altrui che per propria elettione faccia 
contra la loro falsa religione dimostratione alcuna, onde non prestano 
fede a parole, le quali per acre et seriose che escano dal principe sono 
poi indolcite et mollificate da li consiglieri, hanno ritrovato una nova 
inventione di voler consultare ancora di presente il negotio con 
l’imperatore, 7 ) quasi che l’opere, che va facendo S. M tò in sollevatione 
de la religione catholica, non siano bastevoli senz’altre consulte per 
penetrare quale sia il senso suo. Ma loro, oltre che ogni dilatione li 
piace, pensano dipponere a S. M t4 tante difficoltà circa l’essecutione 
del negotio che la M 1 “ S. sia necessitata di darle una risposta secondo 
il loro depravato gusto, la quale poi le serva per scudo contra chi 
volesse riprenderli, se non fanno. 8 ) 
A questo loro spirito io mi sono opposto gagliardamente et 
ho sodisfatto et a me et a li zelosi et pii catholici. Ma vedendo la 
loro ferma ostinatione, ho cercato di obviare quanto mi è stato possi¬ 
bile, che non li venga fatto quello che pensano, et perché forse ad 
alcuni sarebbe parso inconveniente che io così risolutamente contra¬ 
venissi al desiderio del principe di consultarsi con l’imperatore, parendo 
che io difidassi de la pietà singoiar di quella M t4 . In questo io mi sono 
et in scritto et in voce esteso insino a quelli termini, che ho giudicato 
convenirsi a un ministro di S. B nc ben affetta a quella M tà , et perciò, 
vedendo di non poterli rimovere, non ho voluto assentire a la con¬ 
sultatione, se non con tre conditioni. La prima è che non si aspetti 
la risposta da S. M' 4 , ma che si cominci il negotio, et dopo molte 
difficoltà ho ottenuto il mio intento et così lunedì, piacendo al Signor 
Dio, si comminciarà a dar principio. Et questo l’ho fatto perché, 
intendendo la M ' 4 S. che già siamo in opera, più volentieri s’induchi 
a consigliere il principe che, in evento che non obedissero, non faccia 
come si fece ne la dieta passata, che si dete la dilatione, ma che seguiti 
virilmente et venghi a la separatione et al presidio; et tanto più 
m’induco a creder che S. M * 4 lo farà, perché il tentare et non per- 
fettionare è a la M 14 S. di pregiuditio grande per le cose d’Austria, 
et io scrivo al nuntio Ces. et l’informo minutamente acciò rappresenti 
6 ) Wahrscheinlich Schreiben Erzherzog Karls anläßlich der Sendung des 
Bischofs von Gurk nach Rom (Loserth, FRA 11/50, S. 241 — 243). 
7 ) Vgl. Nr. 62, Anm. 6. 
S) Vgl. Nr. 136, S. 368.
	        

Note to user

Dear user,

In response to current developments in the web technology used by the Goobi viewer, the software no longer supports your browser.

Please use one of the following browsers to display this page correctly.

Thank you.