Full text: Nuntiatur des Germanico Malaspina, Sendung des Antonio Possevino

365 
andavano dicendo: „Che fa S. S tà , che non soccorre al stato nostro?“ 
Ma quando hanno veduto che non sono abbandonati, ma che si vuole 
che si dispensi fruttuosamente li danari, 2 ) alhora, non potendo buttar¬ 
la colpa adosso a S. S t,v , hanno cominciato a dar segni del spirito che 
havevano, il quale è di non voler venire in essistentia a nessuna reale 
et vera essecutione. Ma essendo il negotio di servitio di Dio et trattan¬ 
dosi de la salute de le anime, pare che si debba così perfettamente 
fare l’officio di sollicito et patiente coltivatore, che o si coglia il frutto 
de le fatiche overo si possa poi dire: vinea mea quid debui facere 
tibi et non feci, massime che l’Alemagna di giorno in giorno vede 
tanti segni di carità verso lei di S. B"°, die li pare che non sia mai per 
astraccarsi in farle benefitio. Et se bene io, dopo d’haver sodisfatto 
a la mia conscienza in quello che tocca al ministerio mio, ho ancora 
4 per maggiore giustificatione convocato tutti li catholici confidenti 3 ) 
et datole tre giorni a pensare se io potessi fare per sollevatone de la 
religione con questi frigidi et mutabili humori più di quello che ho 
tentato, essibendomi a far ogni cosa prontamente, et che ogn’uno 
habbia risposto che insino le pietre rendono testimonio che non si 
può far più. Nondimeno io sto tuttavia con speranza che S. D. M tlV sia 
per dare incremento buono a li conati santi di S. B nc et a li sospiri 
et gemiti di alcuni ver-i servi di Dio, che sono qua. Per il che mi movo 
con ogni debita humiltà a supplicare a li s mi piedi di S. S tik che non 
ostante che per mie lettere s’intenda il poco sincero modo di procedere 
di qua, S. B" c voglia per ancora perseverare ne la paterna sua carità 
verso questo principe, che forse non s’havrà quella risposta usquequo 
luges Saul.') Et se bene qua, per quanto posso penetrare, si va a 
camino di straccar S. S tà et non si volendo non solo mettere a picelo 
alcuno, ma né incommodarsi punto per la religione, non si possa 
perciò far giuditio alcuno in bene. Nondimeno in simili negotii suole 
Dio superare le nostre congetture, per ben fondate che a noi paiano. 
Hora io verrò a quello che dopo l’ultima mia scritta a V. S. 
Ill ma è passato, essendo S. A. insieme con li consiglieri risoluta di 
non mettere il presidio né venire a la separatione, 5 ) unichi remedii 
per contenere li heretici nel debito officio né inanzi la dieta né dopo, 
se bene li nobili fossero inobedienti. Et risentendomi che mancassero 
2 ) Vgl. Nr. 108. 
3 ) Vgl. Nr. 43, 4 »». 2. 
4 ) 1 Könige 16, 1. 
5 ) Vgl. Nr. 133, S. 362.
	        

Note to user

Dear user,

In response to current developments in the web technology used by the Goobi viewer, the software no longer supports your browser.

Please use one of the following browsers to display this page correctly.

Thank you.