Full text: Nuntiatur des Germanico Malaspina, Sendung des Antonio Possevino

354 
bene; 21 ) per questi impedimenti che alhora non erano tolti, fu concluso, 
che si devesse dare la dilatione a l’essecutione del decreto et ne l’interim 
mandar oratori et consigliarsi con li principi confidenti et proponerli 
le difficoltà. Il che essendosi fatto et essendoli stati allegati infiniti 
impedimenti, con tutto ciò hanno giudicato et consigliato, che si deve 
et che si può tentare et perfettionare, et si vede chiaramente che non 
sono mai per mutarsi di parere, et insino il re di Spagna, non ricercato, 
si è mosso ad animare l’A. V. et si è offerto ad aiutarla in ogni occa¬ 
sione. 22 ) Ultimamente si faceva gran difficoltà di poter perfettionare 
cosa alcuna qua, se prima l’imperatore, come capo, non faceva egli in 
Austria alcuna dimostratione, promettendo che’l negotio qua havrebbe 
pigliato la medesima piega che havrebbe fatto quel d’Austria. Hora 
non ostante che si sia causato con la sospensione del decreto passato 
gran detrimento a li pensieri di S. M tà nel negotio de la religione, 
nondimeno la M tA S., confidata ne la bontà del Sig. Dio, ha fatto sforzo 
et ha felicemente fornita la dieta. Per il che essendosi tolti tanti 
impedimenti, et essendo la causa di servitio di Dio, non deve V. A. 
credere che sia più debole hora la destra del Signore di quello che è 
stata ne l’aiutar l’imperatore, se V. A. con opere piene di confidenza 
ne la D. M tà farà in forma che gli heretici non habbino per l’avvenire 
di esser così ostinati, presupponendo che l’A. V. più tosto per stimoli 
altrui che per propria elettione, faccia dimostratione contra la falsa 
loro religione. Quale è Ser mo Signore quella famiglia nel mondo che 
habbia più occasione di riposarsi ne la previdenza di Dio che quella 
d’Austria? Che in verità pare che per essaltar lei, habbia estinto Dio 
benedetto tanti regni, tante nobilissime casate, et questo non per altro, 
se non che crescendo in forze, crescesse ancora in spirito et in grati¬ 
tudine verso Dio, con acquistarsi nome d’esser difensore de la fede 
catholica contra Turchi et heretici. Faccia dunque V. A. in questa 
dieta in modo che havendo inteso le sante essortationi et stimoli di 
S. B nc , non si possa dire, che vicarius Christi a Ser tc V. non auditur, 
aut potius liberator noster Christus, qui Cels em V. per vicarium suum 
alloquitur atque populos remque suam publicam tuendam impellit 
non auditur. Acciò non intravenga a l’A. V. quello che a Vencislao, 
re di Boemia, al quale piacendo di esser tenuto benigno principe da li 
heretici, et credendo a le voci loro false, che le promettevano di non 
dargli fastidio alcuno ne l’administratione del regno, cosa che lo faceva 
21 ) Vgl. Nr. 77. 
22 ) Vgl. Nr. 24, Antri. 7, und, Nr. 119, S. 328.
	        

Note to user

Dear user,

In response to current developments in the web technology used by the Goobi viewer, the software no longer supports your browser.

Please use one of the following browsers to display this page correctly.

Thank you.