Full text: Nuntiatur des Germanico Malaspina, Sendung des Antonio Possevino

351 
A queste difficoltà allegate li principi ne la consulta fatta in Ba¬ 
viera risposero sofficientemente et l’istessa esperienza ne ha dato ad in¬ 
tendere che il loro consiglio fu vero et con gran ragione, perché le forze 
degli heretici sono o per se stesse senza aiuti esterni grandi o con aiuti 
esterni. Quanto a le forze esterne, havendo V. A. inteso quello che gli 
Austriaci, implorando costoro il loro aussilio, habbino risposto non 
deve temere le promesse del duca di Sassonia, fatte a PA. V., la ren¬ 
dono ancora sicura da quella et altre parti, 9 ) ma da l’altro canto non 
è già dubio che FA. V., se bene in necessità può opprimere e con le 
forze proprie e con le esterne la insolentia et inobedientia di costoro, 
poiché da ogni parte è circondata da parenti et amici amorevoli et 
interessati, ne li quali se ben non potesse far fondamento, quanto a 
danari, deve esser certa che non solo non permetteranno che li loro 
sudditi si movano contra FA. V., ma che opereranno che li siano in 
aiuti. Et quanto a la penuria de’ danari, oltre che lei non è totalmente 
priva che non possi trovare da per sé commodità di haverne, sa ancora 
gli aiuti et proferte che S. S ,;i le ha fatte. 10 ) Quanto al chiamar il Turco, 
chi è quello che chiaramente non vede che questa è una voce senza 
fondamento, poiché non è celato a questa nobiltà, che il Turco non è 
amico de’ nobili, et il Turco è hora tanto occupato, 11 ) che par clic Dio 
benedetto l’affliga per dar commodità a FA. V. di poter cavarsi da la 
servitù in che l’ha posta l’heresia. 
De le forze proprie de’ provinciali o consistono nel valore de le 
loro persone o ne la quantità de li danari o ne la moltitudine de’ loro 
subditi. Quanto al primo, io non ho insin’hora inteso che tra di loro 
sia in gran fiore la disciplina militare ; mi è ancora detto che la maggior 
parte di essi sono pieni di debiti, et il mantenere essercito contra un 
principe de la qualità di V. S. è negotio, che porta seco un gran polso. 
De li contadini loro sudditi, essendo quasi tutti catholici 12 ) et mala¬ 
mente trattati da loro, si deve più tosto credere che aspettino occa- 
9 ) Erzherzog Karl verhandelte im Juni ISSI mit dem Kurfürsten von 
Sachsen vor allem über einen angemessenen Anteil der Reichshilfe für die Türken¬ 
grenze (Venedig AS, Dispacci Oerm., filza 8, f. 52 r — 53 v ). Vgl. Nr. 85, Anm. 4. 
10 ) Siehe Nr. 90. 
u ) Der im Frühjahr 1578 begonnene Krieg gegen Persien hatte sich keines¬ 
wegs nach dem Wunsch mancher Wesire, den „aufgetischten Kuchen anzuschneiden“, 
entwickelt (Khevenhiller, Annales Ferdinandei I, Sp. 125 — 128, 181 — 185; 
Hammer, Geschichte des Osmanischen Reiches II, S. 477 ff.; Jorga, Geschichte 
des Osmanischen Reiches III, S. 236 ff.). 
lä ) Über den Bevölkerungsanteil der Katholiken und Protestanten vgl. oben 
Anm. 3, Nr. 59, S. 172, und Nr. 94, Anm. 9.
	        

Note to user

Dear user,

In response to current developments in the web technology used by the Goobi viewer, the software no longer supports your browser.

Please use one of the following browsers to display this page correctly.

Thank you.