Full text: Nuntiatur des Germanico Malaspina, Sendung des Antonio Possevino

308 
provincie, fossero per l’avvenire uniti et conformi nel sollevare l’afflitto 
stato dela religione, et dopo molte et quasi infinite difficoltà allegate, 
S. A. stava salda in non voler innovar cosa alcuna, se prima non ne 
faceva participe S. M ,il Ces., dala quale è stata avvertita che si guardi 
di non condescendere a cosa in questo proposito, che possi pregiudi¬ 
care a li privilegii de la famiglia Austriaca. 4 ) 
Hora io non starò a raccontare tutto quello che è passato, 
perché sarebbe prolissa materia. Basta che al fine mi hanno dato il 
* decreto, che sarà con questa mia, 5 ) il quale a me ha sodisfatto, et se 
si potesse indurre la M tà del’ imperatore et l’arciduca Ferdinando et 
il duca di Baviera che facessero il medesimo ne stati de’ quali l’arci¬ 
vescovo ha gran giurisditione, per poter instituire una visita essentiale, 
inanzi che la piaga de’ ecclesiastici et regolari si infistolisse, crederei 
sarebbe gran utile per la salute de le anime, massime se l’arcivescovo 
dirà da dovero. Et se bene nel decreto si dice pro hac vice tantum, 
nondimeno oltre che sarà in mano de li ecclesiastici di seguire quanto 
vorranno, conforme a la forma del decreto et così mi promettono, 
ancora sono quelle parole, donec visitatio sit perfecta et executioni 
demandata, le quali portano seco un gran tempo. Ho dato subito 
parte al’arcivescovo, ma per ancora non ho havuto risposta. Io mi son 
risoluto di dar principio a la visita 0 ) con l’assistentia deli commissarii 
de l’una et l’altra parte per dui potissime cause : l’una, perché essendo 
non molta intelligenza tra li ministri di S. A. et del’ arcivescovo, dubito 
che se loro soli cominciassero questa impresa, che forse tra di loro nel’ 
interpretare il decreto et nel progresso del negotio nascerebbono alcune 
difficoltà, le quali potrebbono impedire la visita. Et io son quasi 
sicuro che con la presentia mia non si verrà a questo, perché la confi¬ 
dentia che S. A. ha meco è tale che non ha voluto dar instruttione 
alcuna a li suoi commissarii, ma semplicemente che si governino come 
vorrà il nuntio. Et mi persuado ancora che l’arcivescovo, vedendo le 
fatiche che si fanno per servitio de la sua chiesa, non darà occasione 
che si faccia sinistro giuditio de la intentione sua in questa materia. 
Secondariamente l’arcivescovo, come V. S. Ill ma havrà veduto per 
quello che pochi giorni fa ho scritto, da principio ha difficultato molto 
il potersi instituire fruttuosamente la visitatione, se ben dopo pare che 
habbia mutata sententia. 7 ) Io con l’aiuto del Signor Dio disegno di 
•>) Vgl. Nr. S5, S. 229 f. 
5 ) Nr. 107. 
«) Siehe Nr. 111. 
7 ) Siehe Nr. 102, S. 2S9 j.
	        

Note to user

Dear user,

In response to current developments in the web technology used by the Goobi viewer, the software no longer supports your browser.

Please use one of the following browsers to display this page correctly.

Thank you.