Full text: Nuntiatur des Germanico Malaspina, Sendung des Antonio Possevino

276 
pietà et integrità sua, che in tutte le sue attioni più del sole risplendono, 
potiano esser quasi sicurissimi degnandosi S tà S. procurar la tal cosa, 
che Dio benedetto li darà la sua gratia che non solamente la potrà 
dedur in opera anzi assistere lei stessa personalmente a tal sacrosanta 
impresa. 
Ma non come Pio III, 97 ) che volendola tentar morse in Ancona, 
se non passarà Constantinopoli et dopo il devinto Turco castigar ancora 
il perpetuo emulo de la Sede Apostolica il patriarca di quel luogo et 
far con la gratia di Dio che la sua chiesa santa habbia solamente 
un pastore et un ovile. Con la qual cosa l’avanzaria il Gregorio Magno 
et tutti i altri pontifici benché meritissimi ne la santa chiesa, et sì 
come le sue laudi perpetuamente in terra più di tutte le altre ribom- 
bariano così l’acquistaria ancora commodità multifaria di essaltar 
et promover i suoi diletti et benemeriti a principati et altri grandi 
gradi senza numero et misura, ma potendosi tal cosa per molte et 
molte considerationi a tempo d’hoggi solamente desiderar et a gran 
pena sperare. Benché là è di tentar a tutto potere da tutti quelli 
che desiderano la salute de la republica Christiana, S. S tà , come senza 
ogni dubio si spera, non mancarà di fare et procurare almeno tanto 
che le povere reliquie del regno di Croatia et Schiavonia con i paesi 
di S. A., come unico propugnacolo d’Italia perpetua domatrice et 
rebutatrice de li barbari, si possano fra tanto cioè finché il Turco 
mediante la detta universal impresa o come meglio piacerà a Dio 
omnipotente sia scacciato dal’Europa mantener et diffender da la 
sua tirannide per non perder affatto tutti i vantagi che finalmente 
contra di lui si potessero havere et massime per conservare i sopra¬ 
detti passi li quali come è detto humanamente non potrà trapassare 
se pur mediocremente saranno guardati. 
Nel che a comun giuditio si potriano tener due strade cioè 
degnandosi S. S li per la sua innata bontà fare che S. A. ogni anno 
habbia se non d’altri principi d’Italia et massime li signori Vinetiani 
come i più interessanti almanco de la Sede Apostolica una honesta 
quantità di danari per la conveniente diffesa de li detti confini, non 
bastando più S. A. et li suoi paesi di mantenerli del suo, overo se 
S. S tà si contentasse per una volta sola di dar a S. A. un sì fatto aiuto, 
che con quello si potesse ricuperare il fiume Una con li suoi passi et 
fortezze, cioè Crupa, Novi, Costagnoviza et Jessenovaz. Imperoché 
se ciò si potesse effettuar certissimo è che ancora da quella parte non 
97 ) liichtig: Pius II. (vgl. Pastor, Geschichte der Päpste II, S. 287 ff.).
	        

Note to user

Dear user,

In response to current developments in the web technology used by the Goobi viewer, the software no longer supports your browser.

Please use one of the following browsers to display this page correctly.

Thank you.