Full text: Nuntiatur des Germanico Malaspina, Sendung des Antonio Possevino

230 
vescovo, accioché dalla sua parte si impiegasse nell’ufficio suo et che 
non vedeva come maggiore sprone poteva aggiungersi a quel buon 
vecchio, che se S. A. col dono della benignità, il quale ha da Dio signor 
nostro ricevuto havendo più risguardo alla salute de’ principi, i quali 
altrimenti si andavano perdendo che a que’ puntigli o pretensioni, le 
quali forse le erano altronde proposte, condiscendesse in qualche cosa 
all’istesse ragioni o desiderii dell’arcivescovo. 
Rispuose S. A. che tahora il detto arcivescovo con due o tre pa¬ 
role, le quali egli facesse intenderle, potrebbe esequire molte cose, le 
quali altrimente restavano adietro. Et qui disse come a giorni passati 
egli, havendo voluto mutare un curato in una città di S. A., la città 
no ’l permise, non vedendo il consenso di S. A., il quale conveniva 
havere, sì per essere questo giuspatronato della casa di Austria et per 
haversi antichi privilegi della Sede Apostolica, sì anco poiché S. A., 
permettendo all’arcivescovo questa nuova libertà, pregiudicherebbe 
a gli altri arciduchi di Austria, con i quali per vincolo di parentado 
et di riverenza oltre l’amore era congiunto. Io poi havendogli mostrato 
quanto era sicuro il parere propostogli dal sig. nuncio et quel che S. A. 
pareva di volere seguire circa il dare un commissario suo per aggiunto 
a quel dell’arcivescovo, finché fusse chiarita questa materia, mostrò 
di volere farlo et di accommodarsi alla voluntà et consiglio di S. B' 10 . 12 ) 
Detto questo si attese a premunirlo con quelle ragioni, le quali 
parvero più efficaci, accioché andando alla corte Ces. et trattando 
de’ suoi disegni con alcuni o heretici o politici non venisse a precidersi la 
via a quel che per conto della religione pretendeva di far in queste 
parti. 13 ) Al che acconsentì, mostrando di intendere assai lo stato di 
quella corte et che conveniva tacei’e et fare sì come gli si disse. 
Pregai anco S. A. che considerasse molto circa l’andata sua in 
Sassonia, dove forse pretendendo di andare, come era qui qualche 
opinione, non fusse per quella strada divertito dal s. pensiero, irei 
quale era entrato di riporre la religione catolica nel primo stato. Mi 
rispuose che non sapeva se vi anderebbe et che stava et starebbe 
fisso in questo proposito, che già un pezzo fatto liaveva, di promuo¬ 
vere le cose della fede con ogni mezo possibile. 11 ) 
12 ) Vgl. Nr. 89, S. 243. 
13 ) Siehe oben Anni. 4. 
14 ) Erzherzog Karl war Mitte Juni 1581 in Dresden, wo er nach Meinung 
des venezianischen Gesandten mit dem Kurfürsten von Sachsen vor allem darüber 
verhandelte, daß ein Drittel der Reichshilfe ihm zukomme (Venedig AS, Dispacci 
Germania, filza 8, f. 48' — 49'; Khevenhiller, Annales Ferdinandei I, Sp. 189).
	        

Note to user

Dear user,

In response to current developments in the web technology used by the Goobi viewer, the software no longer supports your browser.

Please use one of the following browsers to display this page correctly.

Thank you.