Full text: Nuntiatur des Germanico Malaspina, Sendung des Antonio Possevino

218 
Venetiani non sono per muovere fastidio a S. A., che l’habbino da 
disturbare, che non si facci obedire da’ suoi sudditi. Anzi l’ambascia¬ 
tore di Venetia, che resiede a questa corte, mi ha detto più volte che 
tien per certo che li suoi signori daranno aiuto a S. A., sempre che 
glielo ricerchi per questa causa. 13 ) Non restarò però di attendere a 
quello che V. S. R ma mi scrive, et farò ogni buono offìtio che io possa, 
acciò o con rimettere il negotio a S. S tà , come mi dice che S. A. si è 
offerta, overo per altra buona via si venghi al fine di quella contro¬ 
versia de’ confini. Ma perché questo negotio potria esser alquanto 
longo et tra tanto la causa della religione potria pigliar et in Stiria 
et in Austria peggior conditione, giudico esser opportunissimo che 
V. S. R ma , qual resiede presso quel ser m0 principe, insti senza inter¬ 
missione et dimodoché lo facci risolvere con brevità a voler esser 
conosciuto et obedito come signore. Et se pur S. A. vede qualche 
difficoltà, si lasci intendere con S. B nc et S. M tà Ces. di che aiuto ha 
bisogno, 14 ) ché io sto in buona opinione che si trovaranno modi da 
facilitare ogni cosa con l’aiuto, che senza dubio le darà Iddio, mentre 
S. A. non manchi a se stessa. 
Prego V. S. R ma che accetti a buona parte questa mia libertà de 
dire come l’intendo in questo negotio; et se presso cotesto principe 
non vi fosse stato ministro di S. S tà , facilmente mi sarei risoluto scriver 
il mio senso et quello che qui si ragiona liberamente a S. A., sperando 
che haveria aggradito la mia buona volontà et zelo verso la religione 
cattolica et verso il servitio et honore dell’A. S., et lasciar quello che 
per mio difetto di giuditio non vedessi bene. 
Del negotio di metter nuovo capitano a Canisia et che sia catto¬ 
lico, ne ho fatto avertire il sig. Trautzon, che mi ha promesso, quando 
si proponerà in conseglio, tenerne memoria et farne buoni offitii. 15 ) 
La prego a scrivere spesso, et se dubita che le lettere siano intercette, 
le mandi nel piego di S. A., la quale scrive assai spesso a questa corte... 
13 ) Am 7. Februar ISSI meldete der venezianische Gesandte aus Prag, daß 
nach Ansicht hervorragender Persönlichkeiten am Kaiserhof, u. a. des spanischen 
Gesandten, Venedig als Nachbar an einer Stärkung Erzherzog Karls interessiert 
sein müsse; öffentliche Demonstrationen zugunsten Karls, wie Sendung eines 
Sondergesandten, seien angebracht (Venedig AS, Dispacci Germania, fdza 7, 
f. 142m, I47 r ). 
u ) Vgl. Nr. 74, S. 201, Nr. 93, S. 258, Nr. 137, S. 371 /., und Nr. 140. 
15 ) In Nr. 74, S. 204 /., schreibt O. M alaspina aber von Karlstadt und nicht 
von Kanizsa, dessen Kommandant, Niklas Graf von Salm, allerdings dainals starb 
und, obwohl Protestant, zu St. Dorothea in Wien beigesetzt wurde (Mayr, Wiener 
Protestantengeschichte, S. 62).
	        

Note to user

Dear user,

In response to current developments in the web technology used by the Goobi viewer, the software no longer supports your browser.

Please use one of the following browsers to display this page correctly.

Thank you.