Full text: Nuntiatur des Germanico Malaspina, Sendung des Antonio Possevino

213 
volta quello che di sopra ho detto et qua a tutti ho apertamente signi¬ 
ficato, che N. S. non piglierà solo la cura di sovvenire alle necessità 
che possono occorere, però che bisogna che S. A. pensi di pigliar qualche 
partito per poter fare la parte sua et, se bene mi rispondeno che faranno 
che diranno, io vorei che sì come loro non vogliano mettere in esecu- 
tione cosa alcuna, se prima non hanno l’aiuto di S. B no in pronto, così 
ancorasi persuadessero che a S. S tà non è per bastare il dire: spenderemo 
la vita, robba, et massime che si vede che qua si fanno molti discorsi 
et non tutti si perfettionano. Onde se si giudicherà che, non ostante 
che S. A. dal romper con costoro si metta a pericolo di non haver per 
l’avenire aiuto per pagare li debiti, et che si suspenda il fortificare le 
fortezze et certe altre cose, che non sono però di molta necessità et 
non fanno gran somma, debba ancora per mettersi in stato di prin¬ 
cipe vendere o impegnare terre, se per caso il negotio si riducesse a 
così mal termine, cosa che noi non speriamo, sarà bene che tutto 
questo si dichi apertamente et nel saldo a mons. di Gurgo, et, prima 
di far altro, chiarire questa partita bene, che io dal canto mio ho fatto 
et farò quello che potrò. Et S. A. si deve movere tanto più prontamente 
a far questa deliberatione, quanto che lei insieme con tutti li consiglieri 
buoni et mali confessano che il negotio non può stare nel presente 
stato. Non lascierò ancora di dire che è pur da deplorare grandemente 
che, non ostante che qua si conoscili apertamente questo, nondimeno 
par quasi che si contentarebbeno di seguitare nel medemo stato et non 
si facesse novità alcuna, ma insieme con questo vorebbeno che S. S li 
et li altri principi catholici confessassero che loro sono escusati et delli 
errori fatti per il passato, concedendo quello che non dovevano et se 
per l’avenire facessero il medemo. 
Per il sopradetto rispetto fomentato dalla natura timida di S. A. 
et poco inclinata a voler fastidii, il cancilliero ha proposto che sarebbe 
molto necessario che l’arciduca Ferdinando si trasferisse personalmente 
qua, 11 ) quando si verrà a l’esecutione; così l’ha proposto a S. A. et lei 
ha approvato il suo parere et le ha dato commissione che, in nome di 
lei, ne faccia instanza a l’arciduca, et desiderarebbe che ancora N. S. 
ne facesse officio. 
Ultimamente S. A. presuppone che tutto questo che lei promette 
di far in materia di religione, habbia luoco in evento, non succeda la 
morte di S. M tà Ces., ché in questo caso chiaramente dice di non voler 
u ) Obwohl in den folgenden Jahren Karl dreimal in Innsbruck war, ist 
Ferdinand nicht nach Graz gekommen (Hirn, Erzherzog Ferdinand II, S. 112 — 115).
	        

Note to user

Dear user,

In response to current developments in the web technology used by the Goobi viewer, the software no longer supports your browser.

Please use one of the following browsers to display this page correctly.

Thank you.