Full text: Nuntiatur des Germanico Malaspina, Sendung des Antonio Possevino

181 
in esso decreto si fanno per mostrare il supremo dominio del ser mo 
arciduca, facilmente si gettaranno a terra, et si farà constare tutto il 
contrario. Però dovendo egli formare sopraciò la risposta, come sarà 
fatta, si manderà a V. S., la quale intanto potrà lasciarsi intendere 
che il presuppositi sono così lontani da la ragione che pretende il 
patriarca, et le conditioni tanto dure che se non si piglia qualche 
temperamento migliore, non si ha da sperare di poter condur il negotio 
a fine. 
V’è il terzo decreto fatto per il capitolo d’Aquileia, 8 ) il quale 
anchora, per quanto dicono quelli che fanno per il capitolo, è più 
gratioso di parole che di effetti, essendo che la remissione che si fa al 
capitolo non importerà secondo s’intende da 40 fiorini l’anno, ma di 
questo doverà trattarne qualchuno in nome del capitolo con V. S., la 
quale vederà quel che allegaranno, et secondo esso si governarà in 
farne novo officio con S. A., da la quale nondimeno S. S tà i’iconosce 
con benignità d’animo quello che sin qui ha fatto, et spera che darà 
tutta la satisfattione che potrà ad esso capitolo nel rimanente. 7 ) 
L’abbate di S. Lamperto in Stiria ha fatto sapere a N. S. ch’egli 
et il monasterio sono così oppressi da le gravezze et essattioni contra 
ogni giustitia et equità, che saranno forzati ad abbandonar il mona¬ 
sterio, se non è aiutato. 8 ) Per il che S. S ,Jl dice che V. S. procuri di saper 
se è vero quel che dice, et essendo vero, faccia officio con S. A. et con 
chi sarà di bisogno, perché sia sollevato. 9 ) 
A due altre lettere di V. S. che ricevei hieri del primo et de li 
4 del presente 10 ) non darò per adesso risposta, havendo esse bisogno 
d’un poco di matura consideratione per l’importanza del negotio, ma 
quanto prima satisfarò... 
•) Nr. 45. 
7 ) Vgl. Nr. 70, S. 200. 
8 ) Der Erzbischof von Salzburg schrieb in dieser Angelegenheit am 24. No¬ 
vember 15S0 zugunsten St. Lambrechts an den Papst (Arch. Vat. Nunz. Germ. 
91, f. 233 n '). Das Kirchengut, ganz besonders die vermögenderen Klöster, wurden 
immer wieder zu Sonderabgaben für die Sicherung der Türkengrenze verpflichtet. 
1574 wurde die Hälfte der geistlichen Einkommen auf 5 Jahre zur Befestigung der 
Grenze gegen die Türken bestimmt. St. Lambrecht wurde damals zur Zahlung von 
5265 fl. verpflichtet, alle anderen Klöster zahlten weniger: z. B. Admont 3111 fl., 
Seckau 3000 fl.. Rein 2700 fl., Göß 1374 fl., Ossiach 1200 fl. und Sittich 1000 fl. 
(Graz LA, Meillerakten XVII, f. 136 r — 142”). Schwere finanzielle Lasten für die 
Klöster brachten auch die Landtage von 1578, 1579 und 1580 (Graz LA, Land¬ 
tagsakten 423). 
9 ) Siehe Nr. 89, S. 246, und Nr. 100. 
10 ) Nr. 59 und 60; die Antwort erfolgte in Nr. 67.
	        

Note to user

Dear user,

In response to current developments in the web technology used by the Goobi viewer, the software no longer supports your browser.

Please use one of the following browsers to display this page correctly.

Thank you.