Full text: Nuntiatur des Germanico Malaspina, Sendung des Antonio Possevino

156 
ha dechiarato 2 ) voler che la religione sia restituita, qual vechiamente è 
stata, et per avenire sia similmente conservata. Et anco che detti 
provinciali restituiscano alii ordinarii la jurisdictione ecclesiastica, 
qual con astucie, inganni et violenza iniuriosamente si l’havevano in 
bona parte appropriata. Et perciò S. Ser ma A. giustamente ha revocato 
la pretenduta concessione della perfidia, la libertà del predicar haere¬ 
tico, l’essercitio di desviar la iuventù nel lor seminario in Graz, 3 ) et 
ultimo convenientamente ha fatto d’haver a essi provinciali commesso 
che non debino sotto pretesto della advocatia, che vogliano haver nelli 
beneficii ecclesiastici, tirar a sé tutta la dispositione in detti beneficii, 
con grande danno della religione et preiuditio delli ordinarii. Ma che 
il tutto sia governato secondo commandano li sacri canoni et legge 
communi. Cosa veramente degna di tanto principe, per la qual senza 
alcun dubio S. Ser ma A. ne receverà da l’Omnipotente Signore incom¬ 
parabile premio. Per tanto hora restarà solo, aciò anche l’ill ni ° arci¬ 
vescovo, nostro patrone gratiosissimo, come ordinario possi immediata¬ 
mente seguitar con una buona, diligente, sincera, utile et fructifera 
visitatione et reformatione, 4 ) che sì come hora speramo che la eccle¬ 
siastica jurisdictione non debba esser più impedita dalli signori pro¬ 
vinciali, così anco S. Ser ma A. resolutamente voglia lasciar la absoluta 
et integra jurisdictione ecclesiastica a l’ordinario, voglia restituir la 
debita immunità alle persone et beneficii ecclesiastici et commandar 
che li seculari iudici subdelegati et ministri non se intromettino in 
cose ecclesiastice, nisi in quanto permettano li sacri canoni et legge 
communi. 
Et specialmente prima si debbe restituir la libera autorità a 
l’ordinario, che poscia, ogni volta gli parerà di visitar, egualmente 
conoscer, corregcr, punir et reformar nelle cose temporale de’ beneficii 
ecclesiastici come nelle spirituale. 
Secondo, che l’ordinario poscia far dar l’integro possesso alli 
beneficiati, tanto nel temporale come nel spirituale, sì come vechia¬ 
mente è stato observato, et per il contrario è grandissimo abuso che 
adesso se impediscano li ordinarii che non debbano saper cosa alcuna 
delle intrude et proventi de’ beneficii ecclesiastici. 
Terzo, per conservatione de’ beni ecclesiastici, S. Ser ma A. schi- 
2 ) Nr. 50. 
3 ) Gemeint ist die hervorragende landschaftliche Schule in Graz, kurz meist 
Stift genannt, an der mehrere Jahre auch Johannes Kepler lehrte (Peinlich, Ge¬ 
schichte des Gymnasiums in Graz, Jahresbericht 1869, S. 10 ff.). 
4 ) Siehe Nr. 46, Anm. 7.
	        

Note to user

Dear user,

In response to current developments in the web technology used by the Goobi viewer, the software no longer supports your browser.

Please use one of the following browsers to display this page correctly.

Thank you.