Full text: Nuntiatur des Germanico Malaspina, Sendung des Antonio Possevino

123 
Graz. Landesfürstliches Einverständnis mit Prozeß gegen Kobenzl 
in Religionsangelegenheit. Aktivität der häretischen Prädikanten. 
Sentenz gegen Polydor de Montagnana. Beratungen mit Vertre¬ 
tern Salzburgs über Visitation und Stärkung der Prälaten am 
Landtag. 
Arch. Vat. Nunz. Qerrn. 100, f. 151' — 154", Orig. 
Con altre mie ho fatto sapere a V. S. Ill ma che andavo facendo 
un memoriale de alcuni punti per darlo in questa così urgente necessità 
della dietà. 1 ) Ma perché dalle mie, purtroppo prolisse, si può facilmente 
comprehendere tutto quello che sia necessario in simile occasione, 
solamente refferirò a V. S. Ill ma che, havendo io toccato con mano che 
li heretici credendo che S. A. burli et che quando pur dichi da dovero 
non possi senza loro a pena vivere, sono perciò arrogantissimi et im¬ 
portunissimi in proponere quelli capi, che li già ho scritto a V. S. Ill ma , 2 ) 
et ogni giorno ne inventono delli altri et vano dilattando in dar risposta 
a S. A. circa il bisogno suo temporale 3 ) et solamente trattano materie 
di religione, et essendo io per li sucessi delle cose passate più tosto 
timido che animato, per sodisfare in parte al debito del’ officio mio, 
ho proposto a S. A. che mi pare che sarebbe espediente che lei chia¬ 
masse a uno a uno et poi unitamente li provinciali et le significasse 
con paterno amore nel stato, nel quale lei doppo le concessioni in 
materia di religione si ritrovava, ciové che lei haveva persa l’obedientia 
et le intrate, che tutti li principi catholici suoi parenti et amorevoli 
non continuavano più la buona corrispondentia che per prima have- 
vano tenuto seco, che li principi de Italia già conoscevano che dalli 
stati suoi non potevano aspettar altro che o paganismo o heresie, et 
però quando havessero toccato con mano che né S. S ,à né altro può 
remediare con modi pieni di carità, che forsi loro haverebbeno ritrovato 
remedio opportuno et con poca utilità et sodisfatione di lei et di lor 
medesmi, ché, ritrovandosi in questi termini, se il Turco volesse 
molestare questi paesi, che essendo lei prima de’ amici de’ parenti, 
anzi havendo irritato tutti li principi christiani, che non potrebbe 
aspettar aiuto né susidio alcuno, che S. S tà li minacciava con brevi 
minatorii et acri, et che se li predicatori loro lo chiamavano idolatra, 
che con più ragione tutti li altri potevano sospicare che egli non fosse 
q Siehe Nr. 27, Anm. 8. 
2 ) Siehe Nr. 39. 
3 ) Siehe Nr. 37, Anm. 2.
	        

Note to user

Dear user,

In response to current developments in the web technology used by the Goobi viewer, the software no longer supports your browser.

Please use one of the following browsers to display this page correctly.

Thank you.