Full text: Nuntiatur des Germanico Malaspina, Sendung des Antonio Possevino

79 
altro violentemente fecero le esequie alla heretica et rupero porte et 
fecero altre insolentie. Il guardiano ha havuto ricorso da me, io ne 
ho fatto risentimento con il principe et mi ha promesso che ci piglierà 
espediente. 19 ) 
Qua sono molti laici protonotarii fatti o dal’impcratore o dalli 
pontefici, li quali fanno molte cose con grandissimo scandalo, legiti- 
mano li bastardi, li abilitano ad omnes ordines et li vescovi, quando 
hanno qualche sogetto bastardo, subito lo mandano da costoro; 
sarebbe bene di pensare al rimedio. 
Similmente ci è una consuetudine la più pernitiosa del mondo, 
che una donna, stando suo marito absente, dove lei non possi andare 
comodamente, passati qualche anni, ha ricorso dal foro civile et le 
domanda di potere habitare con un altro huomo et habere rem cum 
ipso, senza pericolo di esser castigati. Et questi giudici sogliono dare 
la licentia, doppo per essa sicura ancora dal foro ecclesiastico, ha 
ricorso dal’ordinario, il quale li dà licentia per tollerantiam, che 
interim che vengha il marito possi vivere con l’altro. Et questo lo 
fanno li catholici, si stava hora per concedere questa tollerantia a una 
donna di pailazzo, io mi sono opposto et mi ho fatto portare le scrit¬ 
ture 20 ) et voglio vedere di toglier questo abuso et ne parlerò al principe 
et ne scriverò alii ordinarii. 
S. A. si è lamentata meco che li generali mandano qua frati 
Italiani, quali vengono più tosto per fare danari che per altro et, 
oltra alli scandoli che danno, impegnano et dissipano le intrate de’ 
monasterii 21 ) et che sarebbe bene di ridure a manco numero li mona¬ 
sterii et che stessero almeno da sei frati per convento, che hora nella 
maggior parte stano dui solamente al più. Io, quanto al primo capo, 
essendomi venuto alle orecchie che il provinciale di S. Domenico 
haveva danari et che menava le mani molto bene, feci fare certe 
diligentie, ma non scopri cosa alcuna, anzi egli, avedendosi di questo, 
venne a posta qua et si offerì di mettersi in prigione et dar conto 
delle attioni sue. Io l’ho licentiato et l’ho amonito, se in caso fosse 
mai stato in errore che muti vita, et ho operato che nel monastero, 
che l’ordine ha qua, si obblighi di mantenerli sei frati et così ha messo 
’ 9 ) Wahrscheinlich ist das Franziskanerkloster in Graz gemeint, wo mehrere 
Familien ihr Erbbegräbnis hatten (Kolilbach, Die gotischen Kirchen von Graz, 
S. 114—119). 
20 ) Nicht vorhanden. 
21 ) Vgl. oben Nr. 6, S. 20.
	        

Note to user

Dear user,

In response to current developments in the web technology used by the Goobi viewer, the software no longer supports your browser.

Please use one of the following browsers to display this page correctly.

Thank you.