Full text: Nuntiatur des Germanico Malaspina, Sendung des Antonio Possevino

76 
di vivere. Et perché alcuni spiriti non buoni dicono che, presuposto 
ancora che S. A. revochi il già concesso et si venga alla separatione 
delli stati, non per questo si remediarà che ogniuno non vivi a modo 
suo et in spetie li nobili et baroni, et perciò questa revocatione non 
sarà di momento notabile, ma sì bene di pericolo manifesto, et che 
però sarebbe meglio di attendere alle piante novelle de’ figliuoli et non 
movere li humori purtroppo esasperati; a questo si risponde con 
quello che di sopra ho detto, che il principe sia sicuro in coscientia, 
che toglie l’occasione al stato ecclesiastico di escusarsine, ma di più 
ne seguirebbe una cosa di grandissimo frutto, ché con la revocatione 
si toglierebbeno dalle città questi predicatori diabolici, et il todesco 
è tanto avido di sentire la parola de Dio, che senza dubio andareb- 
beno ad ascoltare li nostri. Questa obietione non l’ho intesa io dal 
principe, ma so che gli è stata deto, però voglio con la prima occasione 
a buon proposito dirle il senso mio. Questa è una massima tenuta per 
verissima da tutti li catholici di queste parti, che se noi rompiamo 
da dovero vinceremo, et V. S. Ill ma da quello che hora et altre volte 
ho scritto, può ancora conoscere che è fondata con buone ragioni. 
Ma se si fa come per il passato, che si dia mostra di rompere, et senza 
vedere la faccia del nemico l’huomo si rendi, non è dubio che sempre 
haveremo la peggiore. Insin’hora non si è deto da dovero et, quell 
che è peggio, li heretici lo conoscano, lo dicano, lo publicano, lo 
magnificano et lo scrivano, non senza infinito dolore di tutti li buoni. 
Questi miei ragionamenti hanno causato che universa civitas com¬ 
mota est, perchè sono state due audientie longhissime, et il venire la 
principessa alla mia messa publicamente, cosa insolita, per un voto 
che ha fatto nella infirmità del principe, suo unico figliuolo, 9 ) ha 
causato che, essendo loro per sua natura non senza suspitione, pensano 
che ci sia qualche gran cosa sotto. Et il vedere che il principe non 
comunica negotii di religione al consiglio, ché così l’ho supplicato, fa 
che costoro stanno con l’animo suspeso et è avenuto che, essendo 
morta una cittadina et volendo li suoi che un predicatore heretico 
le facesse il sermone funebre, egli ha risposto che non depende dalla 
città, ma dalli baroni et nobili et che non sono stati concessi a loro 
li predicatori ma a baroni. Questo è stato negotio che ha fatto stupire 
tutti li catholici, et si vede che temano che non si revochi la adulterina 
scrittura, che hanno publicata li nobili, della quale io dedi parte con 
la mia delli 12. a V. S. Ill nia . 10 ) Il vescovo di Gurgo, che è ritornato, 
9 ) Der spätere Kaiser Ferdinand II. 
10 ) Siehe oben Nr. 14, Anm. 13.
	        

Note to user

Dear user,

In response to current developments in the web technology used by the Goobi viewer, the software no longer supports your browser.

Please use one of the following browsers to display this page correctly.

Thank you.