Full text: Nuntiatur des Germanico Malaspina, Sendung des Antonio Possevino

75 
compagnia, 7 ) li quali mi havevano suministrato alcuni buoni raccordi 
in questo proposito. S. A. mi ascoltò molto volentieri et mi disse queste 
precise parole, le quali referirò forsi tamquam inscipiens: che ringra- 
tiava Dio che havesse inspirato a S. B ne a mandarmi in queste parti 
et che tutto quello ch’io le havevo detto era verissimo et da lei ottima¬ 
mente conosciuto et che di già mi haveva fatto dire quello che lui 
desiderava per poter eseguire tutto questo ; che li suoi consiglieri teme¬ 
vano grandemente che senza evidente pericolo si potesse mettere in 
esecutione, però che io haverei veduto che dalla parte sua non sarebbe 
mancato. 
Io che sempre sto ferma nella massima che alcuni giorni fa ho 
fatta et essi m’hanno fatto toccar con mano, dovè che l’arciduca suo 
fratello né il duca di Bavera suo socero haverebbeno mai proposta et 
consigliata questa revocatione, et datoli tanti mezzi per eseguirla, se 
non havessero chiaramente conosciuto che S. A. la può sicuramente 
fare, non essendo da quel tempo in qua nata novità alcuna, né alterato 
il stato d’allhora, perciò repplicai a S. A. che, havendo quelli principi 
tenuto il negotio per fattibile, che si ha da credere che realmente sia 
così, tanto più che S. A. ha l’esempio del’ imperatore, il quale fece la 
separatione delli stati in Vienna et le succesò tanto felicemente, che 
ogni giorno intendiamo che in quella città turmatim ritornano alla 
fede catholica 8 ) et che lei, che conosceva bene oves suas, avertisse 
molto bene che il timor delli suoi consiglieri non fosse timore appa¬ 
rente con artificio et non naturale causato da pusillanimità o da debita 
prudentia, ma che non fingessero di temere per far paura a S. A., 
acciò trepidaret timore ubi non est timor et che non fosse cosa con¬ 
certata con li heretici. Che io assicurava bene S. A. che quando S. S tà 
havesse creduto che, con la separatione delli stati o altro si fosse per 
venire a tal termine che havesse da detinorare la condition sua et 
mettere in compromesso quello che hora possiede, che non cercarebbe 
di persuaderla a questo, ma che, confortandola a quello che li più 
cari parenti, che lei ha, l’hanno esortato et a far cose che lei ne ha le 
sperientie vicine del’ imperatore, che perciò si moveva volentieri a 
instare, acciò uscisse di quel crutio, nel quale lei stessa confessava 
’) P. Emmerich Forsler. 
8 ) In Wien wurde der Landtag 1580 durch die Trennung der Stände zum 
entscheidenden Wendepunkt für die energische Durchführung der Gegenreformation, 
so daß viele zum katholischen Glauben zurückkehrten ( Wiedemann, Geschichte 
der Reformation und Gegenreformation im Lande unter der Enns I, S. 391 /.; 
Bibi, Erzherzog Emst und die Gegenreformation in Niederösterreich, S. 580 f.).
	        

Note to user

Dear user,

In response to current developments in the web technology used by the Goobi viewer, the software no longer supports your browser.

Please use one of the following browsers to display this page correctly.

Thank you.