Full text: Nuntiatur des Germanico Malaspina, Sendung des Antonio Possevino

62 
havesse presente il nontio condeseso alla volontà loro sotto qualsi¬ 
voglia urgente pretesto, che l’autorità di S. S tà havrebbe patito detri¬ 
mento notabile et sarebbe cresciuto l’orgoglio delli heretici, in modo 
che, essendoli sucessa questa attione, per l’avenire non temerob- 
bono potestà alcuna. 
Et che se nelle diete passate costoro havevano fatto rumore 
grandissimo, non havendoli data occasione alcuna il principe, quanto 
maggiormente l’havrebbono fatto hora che S. A. haveva fatto attioni 
de direto contra la libertà loro et concessioni, che pretendono d’havere, 
come nel’altra mia ho avisato a V. S. Ill ma , de’ quali sono così ardenti 
defensori, et che perciò io temevo che il rumore loro non fosse nota¬ 
bile ché, come sono tochi, fanno apunto come è scritto. Tange montes 
et fumigabunt. Et che se S. A. pensava che il nontio potesse a poco 
a poco andar remediando egli solo, che sapeva bene che era impossi¬ 
bile, et se voleva con questo mezzo far cognoscere al nontio che non 
poteva resistere, et che perciò era non solo escusato di quello che 
per il passato haveva concesso, ma se per l’avenire havesse fatto di 
più ; che quanto a me sarei stato in perpetuo di opinione contraria et 
sì come quelli principi, con quali S. A. haveva consultato, 7 ) havevono 
concluso, che il remediare era cosa fattibile, che al simile S. S ,à et 
tutti li principi christiani sarebbono stati del medemo senso et parere 
et havrebbono espressamente cognosciuto che non la impossibiltà, 
ma altri rispetti impedivono che non si facesse qualche notabile frutto 
a beneficio della religione catholica. 
Io parlai al corde et core totalmente rivuolto a beneficio di 
S. A. et de tutti li populi suoi, et le soggionsi ancora che, oltre al’ essere 
ministro di S. S lil che desidera così affettuosamente l’utile et quiete 
di S. A., che io, come vassallo del’imperatore 8 ) et per consequentia di 
tutta la serenissima sua familia, sentivo particular dolore di vedere 
le cose come insin’hora erano passate. Fu il ragionamento novo, ma 
gratissimo al sig. cancellerò et lo non potè dissimular meco. Et chi sa 
quanto necessario sia di riscaldare questo principe et conculcare nelle 
orrechie sue simili concetti quotidianamente non farà a mio parere 
giuditio che si sia trapassato li termini della debita modestia et 
rispetto, poiché et la natura del principe, che si muta facilmente lo 
7 ) Gemeint sind die Beratungen Erzherzog Karls mit Erzherzog Ferdinand 
und Herzog Wilhelm auf der Münchner Konferenz (Loserth, FRA II / 50, S. 36). 
8 ) 1514 wurde von Kaiser Maximilian I. festgestellt, daß die Malaspina 
gemäß allem Recht unmittelbar vom Reiche abhingen (Litta, Famiglie celebri IV, 
tav. XI).
	        

Note to user

Dear user,

In response to current developments in the web technology used by the Goobi viewer, the software no longer supports your browser.

Please use one of the following browsers to display this page correctly.

Thank you.