Full text: Nuntiatur des Germanico Malaspina, Sendung des Antonio Possevino

61 
Mi rifferisse il sig. cancellerò che allora le rispose: Signore, li altri 
consiglieri mei compagni non dicono così, et in spetie il Cobenzzolo, 
il quale dice che vorebbe che le sopravenesse la febre, per non ritro¬ 
varsi presente alli rumori, che hanno da fare li provinciali in questa 
dieta. 5 ) 
S. A. disse che se immaginava che li consiglieri, et particolar¬ 
mente il Cobenzzolo, havessero per il passato scritto alli provinciali, 
secondo il loro costume, 6 ) che stessero saldi et fermi che havrebbono 
ottenuto ogni cosa et che, vedendo hora il nontio presente et che ha 
spirito da resisterle, che temono, et in spetie il Cobenzzolo, il quale, 
havendo interesse con S. B'>°, non potendo in presentia del nontio 
favere partes hereticorum, perciò essendo confuso vorebbe essere 
absente. 
Io, veduta questa repentina non dico mutatione, ma alteratone 
del negocio, mi turbai grandemente et tutto pieno di suspittione et 
timore di non esser burlato et che S. A. non havesse fatti partecipi 
quelli del consiglio di ogni cosa tra il sig. cancellerò et me trattata, 
massime che, quando fu concluso di anticipare la dieta, non fu chia¬ 
mato in consiglio il sig. cancellerò et a me non fu dato parte, se non 
dopo il fatto, dissi chiaramente al sig. cancellerò che si gardassero per 
amore di Dio di non canonizzare quello che Offmam scrive, cioè che 
S. A. non diceva da dovero in materia di religione, et ciò che faceva 
era tutto indrizzato per dare tratenimenti a S. S tà , et che io, come 
ministro che fo professione d’homo da bene et fidele al mio padrone, 
se havessi subodorato cosa simile, non havrei potuto dissimulare et 
sarei stato sforzzato di scrivere il vero, et che in questo havrei contra 
mia volontà alterata la mia massima che è di conservare et augu- 
mentare la bona intelligentia che è tra S. A. et S. B“ c , dalla quale è 
amata et stimata con uno singulär affetto di paterna charità, che io 
non dicevo già queste parole, perché lo credessi, anzi che speravo nella 
bontà et pietà di S. A. ogni altra cosa; ma che, havendo osservato che 
nelle diete passate li heretici havevono al fine ottenuto ogni loro 
iniquo intento, et che S. A. se l’era passata con un re buffo, che hormai 
era tempo di mettere mano ad altri mezzi; che se nella dieta S. A. 
5 ) Über die Haltung Kobenzls vgl. unten Nr. 40. 
6 ) Kobenzl hatte sich bereits 1572 sehr um das Zustandekommen der Reli- 
gionspazifikation bemüht und dafür von den evangelischen Ständen ein Ehren¬ 
geschenk bekommen (Loserth, Reformation und Gegenreformation, S. 203). Dem 
Nuntius am Kaiserhof war er damals schon suspekt (Rainer, Nuntiaturberichte 
II/8, S. 202).
	        

Note to user

Dear user,

In response to current developments in the web technology used by the Goobi viewer, the software no longer supports your browser.

Please use one of the following browsers to display this page correctly.

Thank you.